Pantone Stories: Blu Romazzino

Linee sinuose e sempre morbide, tonalità pastello che spiccano per il loro candore e materiali ricercati. Le iconiche forme delle ville che quasi si mimetizzano tra la fitta vegetazione a ridosso del mare sono ormai riconosciute in tutto il mondo.Perché in Costa Smeralda l’architettura è ciò che ha dato una forma al sogno e alla lungimiranza di chi, quasi sessant’anni fa, seppe dare vita a una delle mete turistiche più amate (e invidiate), senza intaccare le bellezze naturali e in piena armonia con l’ecosistema marino e con la macchia mediterranea.Affacciato su una delle più belle e uniche baie di mare del Mediterraneo l’Hotel Romazzino è il compromesso perfetto per i viaggiatori alla ricerca di un’esperienza di ritiro completo e di lusso. Domina la straordinaria baia blu turchese con le sue pareti imbiancate a calce, le linee fluide e le finestre ad arco. I giardini fioriti conducono dolcemente ad una lunga spiaggia di sabbia bianca, a pochi passi di distanza. Progettato nel 1965 dall’architetto Michele Busiri Vici, l’hotel è stato completamente rinnovato dal 2004 al 2007 ed ulteriormente allargato tra il 2011 e il 2013.
Il risultato è uno stile unico, nuovo, ben codificato, raffinato, omogeneo e molto mediterraneo, con uno sguardo alla tradizione costruttiva locale.Per accorgersene basta venire in Costa Smeralda e salire a bordo di una delle nostre 500 Jolly Icon-e per apprezzare le meraviglie di un territorio fantastico e uno stile che è ormai un marchio di fabbrica consolidato. La perfetta sintesi tra le sensibilità e i diversi stili dei primi architetti che hanno gettato le basi del progetto nei primi Sessanta.
Ultime news